» Borsa e Immobili » Blog » Ricchezza » Cosa sono il TAN e il TAEG e qual la Differenza?

Cosa sono il TAN e il TAEG e qual la Differenza?

Il TAN e il TAEG sono due indicatori che indicano il costo di un prestito, di un mutuo o di qualsiasi altro finanziamento. Conoscerli, saperli interpretare e capire bene la differenza tra questi due indicatori è molto importante per capire davvero quanto ti costerà il finanziamento che stai per chiedere.

TAN

L'acronimo TAN significa tasso annuo nominale e indica quanti interessi devi pagare ogni mese su un finanziamento, sia esso un prestito, un mutuo e cosi via.

Gli interessi vengono calcolati sulla quota del capitale rimanente.

Il TAN quindi non prende in considerazione le spese accessorie di un finanziamento, perciò indica solo in parte il costo del finanziamento richiesto.

Facciamo un esempio per chiarire meglio il TAN: se chiedi un finanziamento di 100.000 euro e il TAN è il 5%, significa che il primo anno pagherai circa 5.000 euro di interessi, visto che la quota capitale iniziale è di 100.000 euro. Il secondo anno pagherai un pò meno di 5.000 euro di interessi in quanto i soldi da restituire saranno meno di 100.000 euro, questo perchè con le rate pagate durante il primo anno hai diminuito la quota capitale, e così via, pagherai sempre meno di interessi in quanto la quota capitale del finanziamento diminusice a mano a mano che paghi le rate.

Come vedi il TAN misura e indica solamente il costo degli interessi del finanziamento.

TAEG

L'acronimo TAEG significa tasso annuo effettivo globale e indica il costo globale del finanziamento, sia esso un prestito, un mutuo e cosi via. Dunque il TAEG, oltre a prendere in considerazione quanti interessi devi pagare, prende anche in considerazione le spese accessorie del finanziamento, ovvero le spese di istruttoria della pratica, le spese per le commissioni di incasso, le spese per le assicurazioni obbligatorie e le spese per i bolli statali. Il TAEG viene anche chiamato ISC, ovvero indicatore sintetico di costo.

Facciamo un esempio per chiarire meglio il TAEG: nell'esempio di prima hai chiesto un finanziamento di 100.000 euro il cui TAN è il 5% annuo. Ammettiamo che il TAEG di questo finanziamento sia il 6%, che cosa vuol dire? Vuol dire che rispetto a quanto indicato dal TAN ci sono 1.000 euro in più di spese accessorie, e che quindi il primo anno devi pagare circa 6.000 euro in tutto tra interessi e spese (6% della quota capitale). Il secondo anno pagherai un pò meno di 6.000 euro, questo perchè anche il TAEG è calcolato sulla quota capitale rimanente (nel caso dell'esempio è il 6%). Come vedi il TAEG misura e indica il costo totale del finanziamento.

Visto che il TAEG comprende anche il TAN, il TAEG sarà sempre uguale o maggiore rispetto al TAN. Per cui, anche considerando quanto appena detto, è chiaro che il TAEG è il modo migliore e più corretto per confrontare un finanziamento con un altro, proprio perchè comprende davvero tutte le spese di un qualsiasi prestito, mutuo etc. Il TAEG è davvero in grado di indicare l'effettivo costo del finanziamento.

Quando richiedo dei finanziamenti per i miei immobili o per acquistare un nuovo immobile, io stesso prendo in considerazione soltanto il TAEG, il TAN neanche lo guardo, proprio perchè non significa nulla. È il TAEG che bisogna guardare, è il TAEG che ti dice veramente quanto pagherai.

Considerare il TAEG servirà a difenderti, spesso infatti potrai ritrovarti in situazioni in cui ti viene proposto un prestito il cui TAN è 0%. Apparentemente dovresti essere contento, perchè sembrerebbe proprio un ottimo affare. Ma prova a dare uno sguardo al TAEG, probabilmente supererà il 10%! Quando ti trovi in situazioni del genere lascia perdere, sono solo specchietti per le allodole.

Ricorda bene: se consideri sempre e solo il TAEG non riceverai mai brutte sorprese, perchè saprai fin da subito il vero costo del finanziamento.

Se vuoi approfondire questi argomenti e imparare come guadagnare partendo da zero, ti consiglio di scaricare l'Ebook Si Pu Diventare Ricchi Partendo da Zero?. Compila ora il box sottostante per scaricare gratis l'Ebook completo.






Scarica l'Ebook Gratis:
Si Pu Diventare Ricchi Partendo da Zero?
L'Ebook che ti insegna:
  • Come pensare per diventare milionari: perch se pensi come la classe media o la classe povera non riuscirai mai a creare ricchezza.
  • Quali sono i principi della ricchezza e come applicarli per generare denaro senza avere denaro.
  • Come seguire gi da subito un percorso replicabile per generare denaro e ricchezza partendo da zero, anche se in questo momento non hai soldi o competenze.
» Inserisci la tua Email per accedere e scaricare l'Ebook, Gratis:




Condividi su Facebook, Google+ e Twitter
Be Social, Condividi :-)




L'Autore: Giacomo De Carlo
Immobiliarista, investitore, formatore, autore di diversi videocorsi e libri. Puoi seguirlo su Google+ o su Facebook.



Leggi anche:

 
 



Piaciuto l'Articolo?
Lascia un Commento :-)

 
   


Tag dell'Articolo:




Segui il Blog sui Feed Rss:


Clicca sul relativo pulsante per condividere questo articolo sul tuo Social preferito
"Diventare ricchi partendo da zero possibile. L'80% dei ricchi sulla Terra lo sono di prima generazione: questo dimostra che non servono necessariamente dei soldi per fare altri soldi. Al giorno d'oggi infatti con la leva finanziaria e con una buona formazione possibile migliorare enormemente la propria condizione economica, qualunque essa sia. Borsa e Immobili ti fornisce gli strumenti pratici e le esperienze sul campo per aiutarti a raggiungere la libert finanziaria partendo da zero."
 
Diventa Ricco Partendo da Zero - Corsi di Formazione Finanziaria
2016 Borsa e Immobili - P.Iva: 03461780920 - Contattaci - Disclaimer & Privacy - Jobs